Pubblicate importanti modifiche per la professione dell’agente immobiliare in Gazzetta Ufficiale, una rivoluzione introdotta con il testo della Legge europea 2018: stiamo parlando delle incompatibilità. Questa nuova normativa può essere considerata come un’epifania per chi lavora nel campo della mediazione immobiliare in Italia. Entrata in vigore il 26 maggio 2019, porrà l’agente immobiliare in un punto focale della filiera del Real Estate, con tutti i vantaggi che ne derivano per il sistema Paese e per i consumatori.

Incompatibilità agente immobiliare, in cosa consistono?

Grazie a questa legge, gli agenti immobiliari potranno occuparsi di tutte quelle attività afferenti alla vendita di un immobile, dalla gestione delle pulizie al ricambio della biancheria negli affitti brevi fino all’amministrazione di condominio o la consulenza in tema di mutui, senza più limiti. Un ampliamento importante delle mansioni del professionista, ponendo così dei vincoli su tutte quelle professioni diverse dall’agente immobiliare e “afferenti allo stesso settore merceologico”, come architetti, ingegneri, avvocati e commercialisti esperti di valutazioni immobiliari. Prevista anche l’incompatibilità per dipendenti di banche e assicurazioni.
All’interno del provvedimento è altresì introdotto il concetto di conflitto di interesse per banche e per le professioni intellettuali all’interno dell’intermediazione, eliminando le incompatibilità per chi svolge l’attività di mediazione e consentendo agli agenti immobiliari di evolvere la loro professionalità in base alle esigenze degli attuali processi economici.
Una nuova frontiera per l’agente immobiliare, che vedrà la sua evoluzione di figura professionale sfondare delle barriere che ne limitavano le potenzialità. Con l’eliminazione delle incompatibilità, infatti, vedranno la luce agenzie immobiliari multidisciplinari e multiservizi in grado di soddisfare il cliente più esigente.

Agente immobiliare: incompatibilità nel dettaglio

L’esercizio di attività imprenditoriali di vendita, rappresentanza, produzione o promozione di beni affini per settore merceologico alla mediazione andranno in contrasto con l’attività di mediazione stessa, nonché con l’attività svolta in qualità di dipendente di ente pubblico o privato, di dipendente di istituto bancario, finanziario o assicurativo ad esclusione delle imprese di mediazione, con l’esercizio di professioni intellettuali afferenti al medesimo settore merceologico per cui si esercita l’attività di mediazione e comunque in situazioni di conflitto di interessi.
Per poter entrare nel settore di mediazione immobiliare operata dagli agenti immobiliari, è necessario frequentare i corsi abilitanti, al fine di poter sostenere l’esame presso la C.C.I.A.A obbligatorio all’esercizio della professione ai sensi della Legge 39/1989.

360Forma fornisce informazioni e supporto logistico alle iscrizioni per i corsi preparatori per sostenere l’esame di C.C.I.A.A e diventare agente immobiliare. Per ulteriori informazioni chiamaci al numero 0984 1716551!

Condividi il nostro articolo su:
Facebook
TWITTER
LinkedIn

Richiedi ulteriori informazioni, saremo noi a ricontattarti!

oppure chiamaci al numero 0984 1716551