CARRELLO

Nessun prodotto nel carrello.

Dopo il colloquio non richiamano: cosa fare?

candidato sconfortato perché dopo il colloquio non richiamano
17 Giugno 2021

In fase di ricerca lavoro, non c’è notizia più confortante dell’avere ottenuto la possibilità di poter affrontare un colloquio con un recruiter. Soprattutto se il colloquio concerne l’azienda a cui siamo maggiormente interessati. Sarà per propensione professionale o prestigio, quell’appuntamento rappresenta, se andrà a buon fine, un cambiamento positivo all’interno della propria vita.

Ma cosa accade se, dopo il colloquio, non otteniamo risposta? Quali sono i tempi di attesa dopo il colloquio di lavoro? Come comportarsi per poter ricevere una risposta dal responsabile delle risorse umane e, quindi, sbloccare la propria situazione?

Scopriamolo in questo nuovo articolo di 360 Forma dedicato al mondo del lavoro.

Come comportarsi se dopo il colloquio non richiamano?

Dopo aver affrontato la discussione con il responsabile delle risorse umane di un’azienda, l’adrenalina ci farà subito porre in testa tantissime domande: sarà andata bene? Avrò fatto una buona impressione? Le risposte che ho dato erano quelle giuste?

Tutte domande lecite, soprattutto se la risposta al colloquio di lavoro tarda ad arrivare. Ma non c’è bisogno di andare in ansia. I recruiter, spesso, hanno tempi di risposta che variano da pochi giorni fino ad arrivare ad alcune settimane. I ritardi sono dovuti, anche, alla grandezza dell’azienda e dal numero di persone che i responsabili risorse umane devono ascoltare a colloquio.

Scegliere nuovo personale è un impegno che deve essere portato avanti con cura, per non rischiare di portare danno all’azienda stessa scegliendo candidati non idonei. Quindi, se dopo il colloquio non richiamano, magari è il caso di attendere ancora qualche giorno. Nel mentre, dedicate il vostro tempo a cercare altre candidature. È, infatti, utilissimo avere comunque un piano B nel caso di un colloquio di lavoro andato male.

Ma quindi, cosa fare per sollecitare il recruiter nell’inviare l’esito del colloquio, così da stare più tranquilli? La risposta è una mail di follow up.

L’e-mail di follow-up

Se avete atteso il tempo adeguato, che sia quello indicato post colloquio o comunque un lasso di tempo orientativo di qualche giorno, potreste procedere con una mail di follow up. Questa tipologia di mail serve per richieder informazioni riguardanti il colloquio, da mandare il giorno dopo i tempi previsti di risposta solitamente. Utile inviarla come risposta alla mail di richiesta di colloquio ricevuta dall’azienda, per aumentare le possibilità che venga letta.

La mail di follow up servirà a lanciare un segnale all’azienda che il vostro interesse è reale e che ci tenete a ricoprire la posizione lavorativa desiderata nel loro team.

Ma, attenzione: ai recruiter non fa molto piacere ricevere pressioni dai candidati, quindi siate delicati nell’esporre le vostre domande e sondate più o meno in che tempi potete avere il riscontro desiderato. In caso di risposta con esito negativo al colloquio, il consiglio è di non abbattersi, ma fare esperienza di ciò che potrebbero essere i vostri punti deboli e migliorarli al prossimo colloquio.

360 Forma, fornisce informazioni e supporto logistico per i professionisti e per chi è in cerca di una posizione lavorativa. Per ulteriori informazioni chiamaci al numero 0984 1716551!