CARRELLO

Nessun prodotto nel carrello.

Cosa fa punteggio nei concorsi pubblici

punteggio concorsi pubblici
11 Gennaio 2022

Ogni anno tantissimi aspiranti professionisti o lavoratori in cerca di una nuova opportunità professionale partecipano ai concorsi pubblici. Questi costituiscono una modalità di inserimento efficace nel garantire sicurezza a lungo termine e uno stipendio fisso.

Esistono tantissimi concorsi pubblici banditi ogni anno dall’amministrazione statale, che hanno come modalità di assunzione il contratto a tempo indeterminato per la quasi totalità degli stessi. Per poter avere qualche opportunità in più e scalare le graduatorie, bisogna ben informarsi riguardo a come funziona il punteggio concorsi pubblici.

Questo può essere influenzato dai titoli di servizio, voto diploma concorsi pubblici, essere un concorso per titoli o basta seguire alcuni specifici corsi che danno punteggio. Ma quali sono i titoli da acquisire per guadagnare punteggio concorsi pubblici?

Scopriamolo in questo nuovo articolo di 360 Forma dedicato al mondo del lavoro.

Corsi che danno punteggio nei concorsi pubblici

I concorsi pubblici vengono banditi e disciplinati dal Decreto del presidente della Repubblica 9 maggio 1994 n. 487, dal D.P.R. 3 maggio 1957 n. 686 e dal d.lgs 30 marzo 2001, n. 165.
La maggior parte dei bandi che concernono le PA vengono pubblicati in gazzetta ufficiale, dove è possibile reperire le modalità di presentazione delle domande.

I requisiti che danno punteggi, solitamente, sono:

  • Diploma di maturità: sia la tipologia che, in alcuni casi, il voto;
  • Laurea: in alcuni casi è necessario avere lauree di secondo livello. Spesso, anche con la laurea, è rilevante il voto finale;
  • Attestati, certificazioni e abilitazioni: se erogati da enti riconosciuti, questi possono costituire punteggio, previa indicazione nel bando;
  • Pubblicazioni: i testi editati e stampati da una casa editrice regolamentata possono risultare rilevanti per alcuni bandi;
  • Attività lavorativa svolta: se si ha già lavorato nel settore scelto, questo costituisce punteggio;
  • Dottorato di ricerca: in base alla domanda da presentare, questa è un’ottima referenza.

Questi appena descritti sono, generalmente, alcuni dei requisiti che sono presenti nella lista di ciò che serve per accumulare punteggio. In base alla tipologia di bando, ci saranno dei titoli più verticalizzati che avranno la stessa funzione.

A parità di punteggio accumulato, la preferenza tra i candidati solitamente è data al più giovane per età anagrafica.

Punteggio concorsi pubblici MIUR

Per quanto riguarda i concorsi pubblici banditi dal MIUR, come personale ATA o docenti, sono tanti i corsi a disposizione per salire in graduatoria.

Il punteggio personale ATA, come il punteggio concorso docenti, è molto influenzato dai corsi EIPASS, ovvero i corsi dedicati all’apprendimento dell’informatica e dell’utilizzo delle nuove tecnologie.

Ancora, importantissimo per i concorsi scuola MIUR l’apprendimento delle lingue, in particolare il corso di inglese con almeno un B2 di apprendimento. La fluidità di conoscenza delle lingue concede una marcia in più al futuro docente o membro del personale ATA (soprattutto se tecnico o amministrativo) rispetto agli altri candidati. Sia per punteggio che per conoscenza personale.