CARRELLO

Nessun prodotto nel carrello.

Come lavorare nella sicurezza sul lavoro

lavorare nella sicurezza sul lavoro
Miriam Caruso
22 Agosto 2022

Nell’ambito dei contesti lavorativi aziendali, la sicurezza fisica e psichica dei professionisti è importante per la resa della propria attività. Stare ben attenti a mettere in sicurezza i luoghi di lavoro e badare alla salute psicofisica dei propri dipendenti, infatti, è una prerogativa da seguire pedissequamente. Lavorare nel settore della sicurezza, infatti, non è semplice e bisogna farsi trovare preparati.

Per tale ragione, esiste una figura specifica, che ha seguito corsi di formazione e ha studiato la legge che regolamenta la sicurezza sul lavoro: il security manager.

Ma come lavorare nella sicurezza sul lavoro? Quali sono le cose da sapere e la formazione da acquisire? Quale legge è atta a regolare la sicurezza sul lavoro?

Scopriamolo in questo nuovo articolo di 360 Forma dedicato al mondo del lavoro e della sicurezza.

Sicurezza sul lavoro, di cosa si tratta?

Ma cosa si intende per sicurezza sul lavoro? In sostanza, sono due tipologie di attività ovvero quelle atte a prevenire un rischio e quelle che hanno come fine la protezione degli individui.

Il professionista ha il compito di analizzare e prevedere i rischi che possono presentarsi sul luogo di lavoro, gestire i processi per prevenirli e creare dei report periodici. In caso di infortunio o malattia professionale, dovrà monitorare e tutelare il professionista.

La normativa che regolamenta il lavoro del security manager è il Decreto Legislativo del 9 aprile 2008, n° 81, ovvero il Testo Unico per la Sicurezza sul Lavoro. Documento stilato nel corso degli anni in base all’evolversi dei contesti lavorativi e delle esigenze dei professionisti. Grazie a questo testo, infatti, è possibile identificare parametri, obblighi ed eventuali sanzioni durante le attività che possano comportare rischi o in situazioni delicate.

Security manager, quando è necessario?

Il Testo Unico per la Sicurezza sul Lavoro indica chiaramente la necessità di una figura formata e preposta alla sicurezza sul lavoro in aziende con almeno un dipendente. Il lavoratore, per meglio specificare, potrà essere una delle seguenti figure:

  • Tirocinante
  • Socio lavoratore di cooperativa o societario
  • Lavoratore a progetto o a chiamata
  • Apprendista
  • Volontario
  • Studente in alternanza scuola-lavoro
  • Partecipante a un eventuale corso di formazione professionale

Scopri tutti i corsi sulla sicurezza erogati da 360 Forma!

Lavorare nella sicurezza sul lavoro, come fare?

In base alla tipologia di lavoro nella sicurezza scelto, vi sono più corsi di formazione che si possono seguire e materie da trattare. Il tutto, come detto prima, è esplicitato nel Testo Unico.

I corsi di formazione sono obbligatori per legge per tutti quei soggetti che hanno come carico la sicurezza sul lavoro nella propria azienda. La formazione è a carico dell’azienda stessa e dovrà tenersi durante le ore lavorative per obbligo di legge ai sensi degli articoli 36 e 37 del D.lgs 81.

Mantenere integrità e salute dei propri dipendenti è indispensabile oltre che un dovere del datore di lavoro. Quest’ultimo, se inadempiente, può incorrere a sanzioni in base alla gravità della mancanza.

360 Forma, nel suo catalogo, propone il Corso Di Sicurezza Per Lavoratori al fine di acquisire crediti professionali e aggiornare i lavoratori sulle norme in essere.