CARRELLO

Nessun prodotto nel carrello.

Consigli su come gestire un team e lavorare in smart working

manager mentre gestisce team di lavoro in smart working
15 Maggio 2020

Lo smart working, in questo periodo storico, ha necessariamente influenzato il modo di lavorare di moltissimi professionisti. Con l’ausilio della giusta strumentazione e di una buona leadership, il lavoro in team da remoto ha dato grossi frutti alle aziende. La produttività dei professionisti ha ricevuto un boost importante in questo periodo di “lavoro a distanza”, dove gli orari e la flessibilità delle persone hanno avuto un ruolo centrale. Ma come gestire un team che lavora in remoto? Quali sono i trucchi per motivare uno smart working team? Scopriamo alcuni segreti del lavoro a distanza in questo nuovo articolo di 360 Forma dedicato al mondo dei professionisti.

Lavorare in smart working e gestire un team

Lavorare in smart working, come accennato poc’anzi, significa possedere tutti gli strumenti adeguati per perseguire gli obiettivi mensili, svolgendo le proprie mansioni in ambienti di lavoro diversi da quello della sede fisica aziendale. Con l’ausilio di un computer e di software, una moltitudine di professionisti continua a svolgere tutto ciò che è necessario per andare incontro alle esigenze dei clienti e del proprio datore di lavoro direttamente da casa. In tutto ciò, è fondamentale avere una leadership in grado di motivare il team a distanza, travalicando i confini fisici e supportando come possibile l’impegno dei dipendenti. Per tal motivo, è consigliabile intrattenere comunicazioni, oltre che scritte per e-mail o programmi di gestione dei task, anche tramite video-conferenze o semplici call. In questo modo, è possibile ascoltare o vedere il proprio team, cogliendo anche nel linguaggio non verbale sporadici segni di disagio o problematiche sul lavoro. In questo caso, il leader potrà intrattenere, a inizio o fine call, uno scambio di chiacchiere per cementare il rapporto col proprio dipendente. 

Il lavoro in team da remoto nasconde, a volte, il rischio di assegnare un soprannumero di task al professionista, perdendo di vista la vita privata dello stesso. Ciò è nettamente da evitare, in quanto il dipendente, nonostante stia a casa, ha comunque bisogno dei propri spazi per rilassarsi e ricaricare le batterie. Un lavoratore tranquillo è sinonimo di produttività.

Smart working team, il lavoro oltre i confini

In alcune aziende, lo smart working è praticato anche tra professionisti di varie nazionalità. In questo caso, il leader dovrà andare incontro, oltre che alle loro fasce orarie per geo-localizzazione, anche al loro aspetto culturale. Ciò sarà utile, in caso di festività o altre ricorrenze straniere, nel non interferire nella vita personale del proprio dipendente. Relazioni a distanza ed empatia, anche in questo caso, sono da cementare se possibile. Mettere a proprio agio, a chilometri di distanza, produrrà come effetto un team coeso anche se in posti di lavoro dove il sole sorge ad orari diversi.

360 Forma, fornisce informazioni e supporto logistico per i professionisti e per chi è in cerca di una posizione lavorativa. Per ulteriori informazioni chiamaci al numero 0984 1716551!

X