Nei precedenti articoli di 360Forma, abbiamo ampiamente parlato della figura dell’Operatore Socio Sanitario, esplorandone i suoi ambiti di impiego. In particolare, un buon approfondimento lo troverete nel pezzo dedicato all’ABC dell’Operatore Socio Sanitario. Per poter diventare OSS, gli aspiranti candidati che sono riusciti a superare le prove scritte devono affrontare una fase delle selezioni spesso molto temuta: il colloquio motivazionale. I futuri operatori socio sanitari, infatti, dovranno avere delle caratteristiche peculiari per poter svolgere le proprie mansioni. Ma durante un colloquio motivazionale oss: cosa dire? Ecco alcuni consigli di 360Forma per affrontare il colloquio motivazionale oss con un marcia in più!

Colloquio motivazionale oss cosa dire

Il colloquio orale preselezione OSS è uno degli step fondamentali da passare al fine di poter accedere ai corsi di formazione, questi ultimi con durata dai 6 mesi a 1 anno. Durante l’incontro, sarà presente anche uno psicologo, che valuterà il profilo del candidato. In questi anni, la figura dell’Operatore Socio Sanitario sta diventando sempre più richiesta e le mansioni da svolgere implicano una forte motivazione ed empatia verso i pazienti. Per questo motivo, non è semplice passare il colloquio motivazionale OSS. Nel corso dell’incontro, verranno formulati dei quesiti molto personali all’aspirante OSS, in modo tale da sondarne le capacità. Il nostro consiglio è quello di usare umiltà e dire sempre la verità.

Domande colloquio motivazionale OSS

Le domande del colloquio motivazionale, come già detto, sono per lo più a carattere strettamente personale. Potranno vertere sulla propria esperienza nel mondo del volontariato, sulle difficoltà che si possono riscontrare con un determinato genere di pazienti o la spinta motivazionale nell’intraprendere il percorso per diventare Operatore Socio Sanitario. Mostrare il proprio lato desideroso di imparare, non precludersi alcuna esperienza per quanto possa sembrare difficile e sapersi mettere in gioco sono elementi fondamentali da possedere. Con l’aumento dell’aspettativa di vita umana, diventa sempre più importante che ci sia personale preparato e in grado di affrontare qualsiasi eventualità all’interno degli istituti sanitari. Non sono pochi, infatti, i disservizi causati da operatori con scarsa motivazione, che hanno scelto questo lavoro solo perché non avevano altre possibilità d’impiego.

L’OSS deve rappresentare non solo un valido supporto per il personale ospedaliero e per i pazienti nello svolgere le sue mansioni, ma anche un buon sostegno psicologico. Siate tranquilli e trasparenti al colloquio oss e tutto andrà per il meglio.

360 Forma fornisce informazioni e supporto per il conseguimento dell’abilitazione OSSPer ulteriori informazioni chiamaci al numero 0984 1716551!

Condividi il nostro articolo su:
Facebook
TWITTER
LinkedIn

Richiedi ulteriori informazioni, saremo noi a ricontattarti!

oppure chiamaci al numero 0984 1716551